/Nato alla scrittura

Nato alla scrittura

By | 2021-03-22T21:33:42+01:00 Marzo 16th, 2021|Intro, Sulla scrittura|0 Comments

Sono nato alla scrittura nel 2001, nell’inquieto continente antichissimo e lateritico: l’Africa.

Stavo scrivendo con una matita grassa su dei fogli a4 sciolti. Improvvisamente qualcosa è scattato, e mi sono reso conto che potevo plasmare quello che scrivevo (quasi) come volevo, incrostandolo di cose altre rispetto al tema principale. Sono uscito dalla rivelazione solo perché una catastrofica tempesta di sabbia ha avvolto Ouagadougou: non ero stato abbastanza attento da presentirla, non avevo chiuso porta e finestre in tempo, era ormai troppo tardi e la sabbia già stava entrando per ogni apertura, accumulandosi in angoli impensabili, mentre io rovinavo a terra nel tentativo di chiuderle, porta e finestre, per colpa delle gambe informicolate.

Da quel momento, ho scritto quotidianamente. Ho tenuto un blog – buffa persona z – per quasi dieci anni. Font piccoli, nessuna immagine, nessun link: nessuna concessione alla distrazione del lettore. Erano altri tempi, per i blogger, potevamo rinunziare a dinamiche di posizionamenti e socialità digitale. La chiusura della piattaforma ha eliminato ogni possibilità (per il grande pubblico) di tornare a curiosare il Davide di quegli anni.

Per colpa di un improvviso amore per l’oreficeria, e per stare dietro ai passi necessari per crearmi un lavoro fatto di parole, ho lasciato in disparte la scrittura – direbbero – creativa. Per lavoro, scrivo i romanzi degli altri. Oppure fornisco testi e articoli alle aziende.

Mi dicevo: la scrittura (creativa) viene inficiata dalla scrittura per lavoro. Lasciamo perdere.

Beh, lasciatelo dire: è una stronzata. Se anche scrivi per lavoro, la scrittura creativa è un recinto nel quale animali impazienti altro non aspettano che essere scatenati fuori, nel loro ambiente, liberi.

Come quei video dove aprono container, e un bisonte o un leone o un ungulato o un orso, ormai metabolizzate le ultime tracce di sonnifero, letteralmente esplode fuori, tira culate verso l’alto perché non è abituato a correre libero ma la foga di scappare via è incontenibile, scavalca cespugli e roccette, scarta sulla destra e col cazzo che lo vedi più, poi.

Solo alle volte non trovi la chiave del lucchetto di questo recinto. Capita.

Ho aperto Incudine perché mi serviva un posto nel quale scrivere di collegamenti impossibili tra cose lontanissime. Di emozioni ruvide e sottili, di ambiente, di montagna.

Ho autopubblicato il mio primo romanzo a fine gennaio 2021. È una guida che si legge come un romanzo sulla Traversata a Piedi dell’Islanda che ho fatto nel 2010. Nel blog Bagaglio Leggero puoi leggere la storia del ibro e alcuni estratti, ma se non resisti dalla voglia di leggerlo, trovi Attraverso su Amazon.

 

Ho aggettivi e avverbi in grande quantità, e non ho paura di usarli.

Leave A Comment